Tag

, , , , ,

Quello che segue è un breve confronto fra 2 realtà differenti, puramente a scopo illustrativo e niente più, che ho riscontrato nella mie semplice e umile vita da qui alla mia nascita. Voglio mettere a confronto i servizi di trasporto pubblico fra Monaco e Milano che secondo me più si avvicina in termini di somiglianze di numero di abitanti e importanza (Monaco capoluogo della Baviera, terza città più grande della Germania, Milano capoluogo lombardo e città più grande del nord Italia). E soprattutto perché è l’unica altra grande città in cui ho dovuto convivere coi mezzi pubblici per svariati anni sia per svago, studio e lavoro.
Partendo dal presupposto che Monaco ha più o meno gli stessi abitanti di Milano, voglio precisare che è molto più grande di Milano in termini di estensione di superficie. Per cui il confronto non si terrà per l’efficienza e la capillarità del sistema di trasporti (chiaro che Monaco surclassa in tutto e per tutto Milano, dalla puntualità al numero di linee al servizio notturno, alla qualità dei treni, delle stazioni ecc ecc…). Voglio fare un paragone di tipo economico, prendendo spunto dall’ultima mia visita a Monaco in occasione del Wiesn. In soldoni: quanto mi costa percorrere una stessa tratta chilometrica a Monaco e a Milano?

Pochi giorni fa ho soggiornato una notte in un hotel fuori Monaco, a pochi passi dalla stazione di S-Bahn di Unterschleissheim, e stando alle misurazioni di google maps in linea d’aria dista 15 chilometri da Marienplatz.
La fermata si trova al di fuori della zona urbana, chiamata “innenraum”, nella seconda delle 4 zone con cui è divisa Monaco, dal centro alla periferia. Dovevo fare i biglietti per 6 persone, così guardando tutte le combinazioni possibile scopro che quella più vantaggiosa è la seguente:
– Una “Partner-Tageskarte München XXL” – 13,10 euro
– Una “Single Tageskarte München XXL” – 7,50 euro
Ora vi chiederete voi “Ma…. partner + single = 2 + 1 = 3 persone!”
SBAGLIATO!
Perché partner karte non è un biglietto per solo 2 anime… e non lo è neanche per 3 o 4 persone… bensì vale per 5 persone ADULTE. Sì, adulte, perché i bambini fino a 14 anni contano per 1/2 adulto. Per cui rifacendo i calcoli: partner + single = 5 + 1 = 6 persone!
E di conseguenza la spesa pro capite è stata di: 13,10 + 7,50 = 20,60 / 6 = 3,43 euro!
Tengo a precisare che con la seguente carta hai diritto a illimitati viaggi in tutta la fascia ricoperta dal biglietto che corrisponde a 8 anelli, e, considerando che gli anelli urbani sono i primi 4… direi che hai una bella zona usufruibile. Tengo a precisare che il biglietto è si un biglietto giornaliero ma la sua validità si protrae fino alle ore 6:00 del giorno seguente. In pratica ti stanno dicendo “Hai un biglietto giornaliero e vuoi fare nottata?? Vuoi sbronzarti a tal punto da non riuscire a ritrovare la via di casa? Niente paura! Se sali su un mezzo di trasporto alle 3 di notte probabilmente non scenderai alla fermata giusta, ma di sicuro non scenderai con una multa per aver viaggiato in nero!”



Ora, spostiamoci di qualche centinaia di chilometro a sud, passiamo il confine austriaco, passiamo la dogana svizzera e approdiamo in Italia, proseguiamo lungo la A9 “Milano – Chiasso” e arriviamo a Milano per il nostro viaggio di affari. Vediamo se a Milano percorrendo la stessa distanza chilometrica prendendo il treno e la metro spendiamo di più o di meno rispetto a Monaco. In questo caso i prezzi saranno pro capite, perché, a meno di improvvisi cambiamenti, non esistono biglietti per più persone nel sistema di trasporti milanese. (Se questo non è vero qualcuno mi avvisi)
Partendo dal presupposto che a Milano non c’è un unica azienda che gestisce il trasporto pubblico di treni/metro/tram/bus dovrò trattare i treni e il resto dei mezzi separatamente.
A 15 chilometri esatti di distanza dalla Madonnina del Duomo puntando nord troviamo una ridente città chiama Varedo, servita dal treno regionale di Trenord della linea suburbana di milano.
Dato che non siamo a Monaco e quindi le linee dei treni non hanno la fermata sotto la piazza principale della città, arriviamo alla stazione dei treni più vicina al centro, ovvero Milano Cadorna. Trenord non prevede un biglietto giornaliero per cui ipotizziamo di fare un semplice andata/ritorno in giornata.
– Biglietto andata ritorno Varedo – Milano Cadorna 2a classe: 2,40 solo andata, per cui 4,80 euro.
Ora, felici di aver acquistato il vostro biglietto e dopo averlo obliterato arriverà col suo solito ritardo di 5 – 10 minuti quando va bene il vostro treno bestiame regionale e in circa 28 minuti di marcia sarete arrivati in Cadorna. Vi dirigete così all’acquisto del biglietto dei mezzi di Milano, che per fare un raffronto quanto meno veritiero con Monaco dev’essere almeno un giornaliero della zona cosiddetta interna.
– Biglietto ATM giornaliero zona interna: 4,50 euro.
Avrete presto il calcolo: 4,80 + 4,50 = 9,30 euro.
Questo però è tirare il discorso dalla mia parte, direte voi. Sto analizzando 2 sistemi in cui uno premia più viaggiatori contemporaneamente mentre l’altro tratta 1 individuo = 1 biglietto.
Bene dico io. Allora vediamo a Monaco quanto costa fare l’ambaradan di prima per una sola persona.
La risposta l’avete già un po’ di righe sopra di voi, perché prima ho ribadito che il biglietto singolo per quella fascia chilometrica valida tutto il giorno costa 7,50 euro. Carta alla mano spendi 1,80 euro in meno a Monaco e in più rispetto a Milano hai un area maggiore dove poter viaggiare, la possibilità di prendere il treno come fosse una metro quante volte voglio e l’efficienza dei mezzi monacensi. Se è questo il prezzo che devo pagare per l’efficienza dei mezzi di Monaco… lo pago più che volentieri!

Ps. Giusto per la cronaca e perché mi piace tanto mettere il dito nella piaga uno degli itinerari della mia ultima visita prevedeva l’andare dalla fermata di S-Bahn Moosach allo Schloss Nymphenburg tramite l’autobus 51, per un totale di 9 fermate, 3 delle quali il bus, una volta arrivato alla fermata, dovette sostare per circa 45 – 60 secondi perché in anticipo rispetto alla tabella di marcia. Per la serie: “scene mai viste”.

Annunci